Dance Studio ClubDance Studio Club -

Luis Bernardo Ribeiro

Dalla Parigi degli anni Cinquanta alla fondazione del Dance Studio di Bologna

Luis Bernardo RibeiroFormatosi alle arti teatrali con Samuel Diniz, Jorge Faria e Maria de Matos, Antonio Luis Bernardo Ribeiro si diploma in Danza e Teatro al Conservatorio Nazionale di Lisbona nel 1954, con Margarida de Abreu e Anna Mascolo.
Nel 1956, trasferitosi a Parigi, studia, presso lo Studio Wacker e lo StudioConstant, con Mme Nora Kiss, Mme Rossane, René Bon, Boris Kniaseff, Mme Preobrajenska e Misha Reznikoff.
Nello stesso anno interpreta, con l'Opéra Ballet L'Apprendis FAKIR, e insieme con Ursula Kübler, Jamie Bauer, Nicole Croisilles, France Arnel e Lucien Mars, uno spettacolo scritto e diretto da Jean Cocteau e Jean Marais, per le coreografie di George Reich, che debutta a Parigi al Théåtre de la Porte Saint-Martin.
Alla fine del 1956 entra a fare parte dei Ballets de Paris di Roland Petit; complesso in cui resterà sino al 1963 e con cui si esibisce, oltre che nella capitale francese, in cui la compagnia ha sede, in varie città d'Europa, a Londra, Monte Carlo, Ginevra, Losanna, Berlino, Amsterdam, Bruxelles, Amburgo, Monaco, Vienna, Barcellona, Madrid, Lione, Strasburgo e nella natìa Lisbona.
Molte e significative le esperienze professionali vissute in quel momento storico, ricco di fermenti artistici e letterari.
Nel 1956 danza anche con la compagnia di Jean Babilée, insieme con Claire Sombert, Paula Hinton, Alice Bess, Dirk Sanders, Alexandre Kalioujny, René Bon, Jouanka Biegowic.
Con tale formazione va in tournée in tutta la Francia, in Svizzera e in Spagna.
A Nizza, presso l' Opéra, lavora, inoltre, con il David Lichine Ballet Diaghilev, partecipando, in veste di interprete, alla produzione, a firma di Lichine, Creation- Balletto senza musica.
Nel 1957 effettua una stagione con i Ballets de Paris della durata di tre mesi, per poi trasferirsi con la compagnia a Londra e quindi partire per gli Stati Uniti .
In quell'anno Antoine Livie scrive di lui su Le Monde : "Luis Bernardo è innanzitutto un ottimo danzatore, dotato e, cosa assai rara, di una comicità sorprendente e mai volgare".
Negli USA, ove si trattiene due anni, danza a New York, Chicago, Washington, Dallas, San Francisco, Los Angeles.
Nello stesso periodo lavora anche in Canada, a Toronto e Montréal.
Oltreoceano interpreta, con Zizi Jeanmaire, Roland Petit, Veronica Mlakar, Dirk Sanders, José Ferran, le coreografie Carmen, Contre-Pointe, La Rose Des Vents, La Dame Dans La Lune.
Al contempo arricchisce, a New York, le proprie competenze di danzatore, studiando con Edward Catton, Frederic Franklin, Peter Gennaro e Alexandra Danilova.
Nel 1957 e nel 1962, sempre a New York, partecipa al celebre programma televisivo Ed Sullivan Show, danzando, con Zizi Jeanmaire, Dirk Sanders e Veronica Mlakar, Carmen e Croqueuse des Diamants.
Nel 1958, rientrato in Europa, interpreta a Parigi, al Théåtre de l'Olympia, Paris mes Amours, per le coreografie di George Reich, con Josephine Baker.
Tra la fine del 1958 e l'inizio del '59 intraprende, con i Ballets de Paris, una tournée che lo porterà a esibirsi in Europa, Canada, USA e Israele.
In questo periodo l'americano Ioshua Logan, talent scout e movie director, lo scopre e lo induce a firmare un contratto, che lo impegna dal 1958 al '61, con la storica compagnia statunitense di cineproduzione Metro-Goldwyn-Mayer.
Nel 1960, in Israele e in Europa, danza in Cyrano de Bergerac, Deuil en 24 heures, Les Forains e Carmen.
Nello stesso anno, invitato, insieme ai Ballets de Paris, a dar vita a un programma all'Office de Radiodiffusion-Télévision Française (ORTF), assume in Les Forains, per le coreografie di Roland Petit, su musica di Henry Sauguet e Boris Kochno, il ruolo di protagonista; e danza in La Chambre, per le coreografie di Roland Petit, su musica di George Auric, interpretando entrambi i lavori insieme con Petit e la Jeanmaire.
Nel 1961 è interprete, negli USA, di coreografie di Roland Petit e Jerome Robbins, con Veronica Mlakar e Buzz Miller.
A Londra, al Her Royalty Theatre, danza inRain, di Somerset Maughan, per le coreografia di Roland Petit, su musica di Marius Constant, in cui compare, accanto a Zizi Jeanmaire e Buzz Miller, nel ruolo del marinaio.
A Tel Aviv, Gerusalemme, Haifa e Beer Sheba, fa parte del cast di Carmen, Croqueuse de Diamants e Cyrano de Bergerac.
Nel 1962, al Théåtre de L'Étoile di Parigi, è répétiteur per il Tour de Chant di Marléne Dietrich, di cui è regista Orson Welles.
Al Théâtre des Variétés di Parigi danza, quello stesso anno, La Grosse Valse, con Liliane Montevecchi, poi acclamata interprete del musical Nine, ispirato a Otto e mezzo di Federico Fellini.
Sempre nel '62 interpreta per l'ORTF, insieme con Claire Sombert, Mahagony, di Kurt Weill e Bertolt Brecht, per le coreografia di Mirko Sparemblek.
Partecipa inoltre, insieme con André Prokovsky (poi étoile al NYCB), a un tour de chant con la Jeanmarie in occasione del quale un critico del settimanale Jours de France ne apprezza il talento al punto da definirlo "la stella del domani".
Nei cinque anni a seguire figura nel cast di How to succeed in business without really trying, in scena al Théåtre de Paris, ed è fra gli interpreti sia dell'Ubu Roi- Südwestfunk Sketches di Brecht-Weill, per le coreografie di George Reich e con Jamie Bauer, sia di Sparenblek, per le coreografie di George Reich e con Dirk Sanders; ambedue i balletti trasmessi in TV in Germania.
Nel 1968 danza e recita, nel ruolo di Carlos, in L' Homme de la Mancha, in scena al Théåtre des Champs Élysées di Parigi e al Théåtre de la Monnaie di Bruxelles.
Compare così al fianco di Jacques Brel, Joan Diener, François Rauber, Dale Wasserman, Mitch Leig.
Incide, inoltre, con la Barclay di Parigi, il disco della produzione.
Sul finire degli anni Sessanta all'attività d'interprete comincia ad affiancarsi l'attività d'insegnamento: nel 1969-70 è professeur de danse a Parigi, presso varie scuole.
Più tardi insegnerà presso l'École de danse di Noëlla Pontois e presso la scuola di Daini Kudo a Bougival.
Un decennio più tardi, alla Fenice di Venezia, con la compagnia del Teatro La Fenice, danza in Daphnis et Chloé, per le coreografie di Serge Lifar, e in Les Noces di Bronislava Nijinska, allestito dalla coreografa stessa sull'omonima partitura musicale di Stravinskij.
A Firenze, nell'ambito del Maggio Fiorentino, danza coreografie di Aurel Millos.
Nel 1971 torna a Parigi per insegnare nuovamente nella scuola di Noëlla Pontois e di Daini Kudo.
Nel 1972 giunge in Italia per aprire una scuola di danza a Bologna, con Carla Calcaterra.
Fra il 1980 e il 1981 torna a Parigi per aprire una scuola di danza con Veronique Lepetre Leroy, ex-ballerina dell'Opéra di Parigi e sua ex-partner nella compagnia Ballets de Paris.
Dal 1980 all'82 si reca anche in Giappone per tenere una serie di stage a Kyoto, Osaka, Tokyo e Nara.
Là conosce Yuriko Matsuyama, prima ballerina dell'Arima Ballet di Kyoto, con la quale, nell' '82, si sposa a Parigi e con la quale, l'anno successivo, insieme con il figlioletto Kenji, torna in Italia per aprire a Bologna la scuola di danza Dance Studio, di cui ricorre quest'anno il trentennale della fondazione.
L'intensa l'attività d'insegnamento svolta dai due coniugi a partire dalla fondazione del loro centro di formazione di danza non impedisce a Ribeiro di continuare ad accogliere alcune sfide professionali, se ritenute interessanti.
E' così che, nel 1996, Luis firma la coreografia e la regia dell'opera multimediale Tina Modotti, di Andrea Centazzo; una produzione che va in scena a Udine, a Trieste, ad Alba, a Bologna (all'Arena del Sole), con Ottavia Piccolo nel ruolo di Tina, e che, riproposta negli USA nel 1998, e allestita al Freud Playhouse (UCLA, Los Angeles) e a San Francisco, con Lumy Cavazos nel ruolo di Tina, riscuote grande successo guadagnandosi il plauso di pubblico e critica.
Entusiastica, fra le altre, la recensione di Lewis Segal, pubblicata sul Los Angeles Times, in cui si rimarca la valenza drammaturgica di una coreografia asciutta e di meccanica precisione, affidata all'interpretazione di cinque membri del Dance Studio Ensemble di Bologna.
Nel 1999, congedandosi dalle scene, Ribeiro danza per l'ultima volta in Giappone, a Kyoto, Osaka e Nora, dove interpreta Coppelia, secondo Roland Petit; pregevole versione del capolavoro tardo-romantico, su musica di Delibes, in cui assume il ruolo di Coppelius.

Seguici su Facebook

Dance Studio Club - Associazione Sportiva Dilettantistica
Via Titta Ruffo, 8/A Bologna
Telefono e Fax: 051 6236440
dancestudioclub@gmail.com
Realizzato da: Head&Hands